mercoledì 3 giugno 2015

#Libro - Ectopia (metapoema)



Ectopia è linguaggio che si ritorce contro se stesso e scava nel nulla alla ricerca di significato; è grido perpetuo, incessante; negazione dell’esistenza, di obblighi e identità. 

Ectopia è opposto, il dritto, il rovescio; è il desiderio di essere altro, l’istante breve tra il nascere e la morte. 

Ectopia è nulla, vuoto, l’illeggibile; l’architettura impossibile perché le sue fondamenta si ergono e crollano prima e dopo ogni strofa.

Ectopia è il continuo indietreggiare della parola; il canto nella costante dissolvenza del tempo.

Booktrailer

Nessun commento:

Posta un commento