mercoledì 24 settembre 2014

#Poesia - Assenza di gravità


Stanco
strazia
il latitare 
una fermezza di iperboli irretite
pronte a divampare sulla tela 
che rifigura
e ridisegna
un vuoto
dinamitardo di sussulti
di bisbigli 
sazio di fetali interferenze
lucido d'erranza e di mutismo
ramificato delta di mancanze.  

(Diego Salvadori)

4 commenti:

  1. In questa poesia in particolare colgo, oltre le atmosfere da spleen decadente alternate a una leggera sospensione (sensoriale?), sonorità e allitterazioni appropriate. F.

    RispondiElimina
  2. :) sono piccoli esperimenti... diciamo che, ultimamente, provo a mettere in parole il vuoto... un po' ambizioso come proposito :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli esperimenti riusciti passano sempre da propositi e tentativi... E quel vuoto, oltre che con le parole, cerca di riempierlo anche con altro ;) F.

      Elimina