domenica 1 settembre 2013

(Poesia) Parla lei


Correre il vento 
e poi patire il mare 
parabola d'inani 
stanchi sogni 

Grani 
di salsedine 
deriva 

ruggine
sfiorisci vita mia


Lunare cenere  
unica presenza 
Mi carbonizzo nel tuo requiem di metallo  

L'ode questa plebe la tua lode? 

L'ermetico sigillo alle tue labbra. 

L'abracadabra di parole infiorettate  
Di mostro e di feticcio a quattro mani. 

L'ode questa plebe la tua lode 
l'ode 
La respira  
Ti subisce 

(Diego Salvadori)

Nessun commento:

Posta un commento