martedì 23 luglio 2013

(Poesia) NICTOFILIA


Il bello 
è quando chiudo gli occhi
e cerco l'abbandono sulle alghe
e spasimo voragini
sul mare
di quest'angoscia fatta inchiostro e un po' petrolio

d'etere m'immagino il sarcofago

l'urna custodita in ipogeo
il letto di granito come ghiaccio
prossimo allo sciogliersi
nel giorno

Ma non arriva luce

non c'è sole
solo terriccio che trapela sulle unghie
nell'interdigitale spazio-tempo
delle radici
grida che io sento.

(Diego Salvadori)

11 commenti:

  1. Molto bella, complimenti. :)

    RispondiElimina
  2. grazie :)
    come direbbero in quel dell'Urbe: m'è venuta dar core :)

    RispondiElimina
  3. Ahahah
    Mi piace questo dialetto. :)

    RispondiElimina
  4. pure a me, è una parlata vibrante e genuina: la migliore. E te lo dice un fiorentino ^_^

    RispondiElimina
  5. Ah bello, la migliore, lo dice te! Tutti i dialetti, solo alcuni mi fanno un po' cagare. XD

    RispondiElimina
  6. Ehm, volevo dire che tutti i dialetti son belli e solo alcuni non mi piacciono. :P

    RispondiElimina
  7. ahahahaha :P avevo omesso il "secondo me". Diciamo che, dal mio punto di vista, il romanesco mi fa scompisciare. Ma, concordo con te, quasi tutti i dialetti sono da valorizzare ^_^

    RispondiElimina
  8. A me non dispiace il milanese, lo trovo molto bello, anche se il siciliano è nel mio cuore. <3

    RispondiElimina
  9. io il romagnolo e il vicentino :) Poi, a ruota, il napoletano.

    RispondiElimina
  10. E' vero l'emiliano ed il romagnolo sono molto belli. Poi sono persone meravigliose, così civili...
    Buona giornata, Diego! :*

    RispondiElimina