giovedì 20 ottobre 2011

(Poesia) Il tempo della luce


Il tempo della luce è un sonetto scritto alcuni mesi fa per un concorso. E proprio esigenze compositive, legate principalmente allo schema metrico, risente di un lieve manierismo, di un'ampollosità che gli conferisce un che di innaturale. 
Tuttavia, ho deciso comunque di condividerlo con voi: per il suo sancire un passaggio importante in questo mio iter, nonostante il suo esulare (in extremis) da Luci di sospensione.


IL TEMPO DELLA LUCE

Anima persa oltre i cerchi del mare.
La vita tortile; fatta a spirale.
Ingenuamente, spero di tornare,
in un salino regno. Blu animale.

Si polverizza il mio ondoso vagolare:
cinerea luce, in una volta a strale.
Inseguo il regno: acquatico e solare;
risalgo un orizzonte verticale.

Sospendo il mio cammino in queste valli.
E il mondo è solo un tremulo riflesso.
Granelli. Stelle. Ruggine e metalli:

nostalgiche vestigia di un Adesso;
questa polvere, sparsa tra i coralli;
visione di una vita fatta gesso. 

Nessun commento:

Posta un commento